Nel calcio come nella vita d’ogni giorno

Canne al vento
Si Italiam eiuramus

Febbraio 2021

E ora Semplici.
L’allenatore cui il Presidente del Cagliari ha affidato la squadra dopo aver esonerato l’allenatore Di Francesco.
E’ bravo? Chiedetelo ai commentatori tecnici del calcio italiano.
E’ biodegradabile  nel Cagliari, nella città di Cagliari?
Sì, è un combattente che conosce le trincee della serie C, B, A.
Lo immaginiamo mentre riversa nelle acque del Tirreno i suoi somatizzati malumori per un pareggio imposto alla sua squadra al 90’, durante un viaggio di ritorno per nave dalla Penisola, stante uno sciopero delle linee aeree.
Lo immaginiamo turpiloquiare con un nuovo amico tra le strade di Cagliari, uno dei venti Capoluoghi  d’Italia, nella stessa lingua parlata negli altri 8000 Comuni italiani, Penisola compresa.
Non ce lo vediamo in uno scompartimento di prima classe su un aereo diretto a Madrid per visionare qualche campione in attesa di pensione dal pirla di turno che lo ingaggerà ad annualità stratosferiche, devastando le casse della Società e umiliando lo spirito individuale e di squadra dei suoi compagni di gioco.
Tradizione calcistica del Cagliari da ripassare Giulini.
Tradizione storica della città di Cagliari da ripassare Giulini.
Storia dell’Italia unita da ripassare Giulini.
Per far sì che le undici bandiere che di volta in volta scenderanno in campo ci tengano nella serie A del Campionato Italiano di Calcio.
Quella serie A nella quale con o senza scudetto tricolore sul petto, ci si rimane soltanto se almeno nella mente se non proprio nel cuore si ha il Tricolore, che la Città di Cagliari e la Regione Sardegna di cui è Capoluogo onorano sin dal 1720.
Altrimenti saremo gli spettatori mal gratificati di un magazzino buono per le scorie di questo o quell’altro club con materiale di risulta da riciclare.

Canne al vento.

Servizio obbligatorio di leva civile in Italia”   Claudio Susmel

Centosessantesimo anniversario dell’Unità d’Italia Incompleta
1861 – 2021
Memoria Patriae prima vis

Il condomino potenziale assassino

Quanti concittadini ha già ucciso
chi esce di casa senza mascherina?
Mens insana facit mortem

11 febbraio 2021

Il condomino potenziale assassino esce di casa senza mascherina.
Si aggira per scale e cortili condominiali, salvo, nella migliore delle ipotesi, indossarla in macchina prima di uscirne una volta arrivato a destinazione.
Oppure la indossa varcato il cancello o portoncino condominiale.
Quanti ne ha già contagiato?
Quanti con conseguenze gravi o letali?

Centinaia di medici e infermieri morti in tutto il mondo per tenerci in vita non lo inducono a fare il minimo sacrificio che consiste nell’indossare la mascherina anche solo per uscire qualche minuto di casa.
Non si cura neppure dei suoi familiari e amici che percorreranno i suo stessi tragitti o lo incroceranno per le scale: possibile trovare un aggettivo sufficientemente indegno per questo individuo?
Commissari speciali, leggi, medici, vengono depotenziati da questo potenziale assassino che si aggira impunito per i condomini.
Forse elementi delle Forze dell’Ordine in borghese potranno coglierlo in fallo applicandogli una sanzione pecuniaria che in ogni caso risulterà risibile per il virus che diffonde.

L’oceano di informazioni circa la pericolosità del virus rende questo potenziale assassino totalmente consapevole delle proprie azioni.
Ignobile.

 “Servizio obbligatorio di leva civile in Italia”   Claudio Susmel

Centosessantesimo anniversario dell’Unità d’Italia Incompleta
1861 – 2021
Memoria Patriae prima vis

Memoria italiana

4 febbraio 1875,
nascita di Cesare Battisti

10 febbraio,
Giorno del Ricordo

11 febbraio 1918,
Beffa di Buccari

11 febbraio 1929,
Patti Lateranensi

14 febbraio 1914,
nascita di Luigi Durand de La Penne

 Servizio obbligatorio di leva civile in Italia Claudio Susmel

CLICCANDO SULLA NUVOLETTA CELESTE A FIANCO DEL TITOLO
POTRETE LASCIARE UN COMMENTO
(COMPARIRA’ SOLO IL VOSTRO NOME
NON LA VOSTRA E-MAIL)

POTETE INVIARE A CLAUDIO SUSMEL LE E-MAIL
DI CHI DESIDERA ESSERE INSERITO NELL’INDIRIZZARIO DI OBLO